Squid e active directory – accesso a un gruppo

Da: http://openskills.info/infobox.php?ID=1444
Squid – Autenticazione utenti su dominio Active directory o NT4
Autore: al – Ultimo Aggiornamento: 2007-04-13 15:27:39 – Data di creazione: 2007-04-13 15:19:34
Tipo Infobox: TIPS – Skill: 4- ADVANCED

E’ possibile configurare Squid per autenticare gli utenti che possono usare il proxy usando le credenziali di un dominio Active Directory o di tipo NT4.

L’autenticazione si basa su winbind, il demone fornito con Samba che permette l’autenticazione degli utenti locali di una macchina Linux su un domain controller di un dominio di tipo Active Directory o NT4.

Il servizio winbind deve essere in esecuzione (anche non configurato) e la macchina su cui gira Squid deve aver joinato il dominio.

In /etc/squid/squid.conf devono essere presenti le seguenti configurazioni:

Settaggi relativi al sistema di autenticazione:
auth_param ntlm program /usr/bin/ntlm_auth --helper-protocol=squid-2.5-basic

Alternativa che negozia automaticamente la password dell’utente loggato sul dominio
auth_param ntlm program /usr/bin/ntlm_auth --helper-protocol= squid-2.5-ntlmssp

Se si vuole permettere accesso solo a utenti del gruppo “navigatori” del dominio “DOMINIO” usare invece questa alternativa:
auth_param ntlm program /usr/bin/ntlm_auth --helper-protocol=squid-2.5-ntlmssp --require-membership-of="DOMINIO+navigatori"
Notare che è necessario avere “winbind separator = +” in smb.conf (il file di configurazione di Samba) se si lascia il separator normale \ non funziona!

Le seguenti righe devono essere invece sempre presenti:
auth_param ntlm children 5
auth_param ntlm max_challenge_reuses 0
auth_param ntlm max_challenge_lifetime 2 minutes
auth_param ntlm use_ntlm_negotiate on

E’ poi necessario configurare le acl di Squid per forzare la richiesta di autenticazione (cambiare gli ip della local_network secondo le proprie esigenze):
acl password proxy_auth REQUIRED
acl local_network src 192.168.171.0/24
http_access allow local_network password

Come far aprire mailto con thunderbird e link web con firefox rispettivamente

Mi è capitato che firefox non aprisse i link di tipo mailto con thunderbird
e che thunderbird non aprisse i link web con firefox.
Per risolvere seguire la guida allegata:
http://gentoo-wiki.com/TIP_Integrate_Thunderbird_and_Firefox

File: ~/.thunderbird/<random_string>/prefs.js

user_pref("network.protocol-handler.app.ftp","/usr/bin/firefox"); user_pref("network.protocol-handler.app.http","/usr/bin/firefox"); user_pref("network.protocol-handler.app.https","/usr/bin/firefox"); 

File: ~/.mozilla/firefox/<random_string>/prefs.js

If you are using the binary version of Thunderbird, add the following line:

user_pref("network.protocol-handler.app.mailto","/usr/bin/thunderbird-bin");

Otherwise, add this line:

user_pref("network.protocol-handler.app.mailto","/usr/bin/thunderbird");

Sendmail – DSN: Data format error

PROBLEMA:

Quando invio una mail da riga di comando ottengo il seguente output nel
maillog:

Jul 30 09:04:25 vidol sm-mta[5107]: l6U74PNH005107:
from=<root@vidol.xx.xx.it>, size=463, class=0, nrcpts=1,
msgid=<200707300704.l6U74PQY005106@vidol.xx.xx.it>, proto=ESMTP,
daemon=MTA, relay=localhost [127.0.0.1]
Jul 30 09:04:25 vidol sendmail[5106]: l6U74PQY005106: to=root,
ctladdr=root (0/0), delay=00:00:00, xdelay=00:00:00, mailer=relay,
pri=30190, relay=[127.0.0.1] [127.0.0.1], dsn=2.0.0, stat=Sent
(l6U74PNH005107 Message accepted for delivery)
Jul 30 09:04:25 vidol sm-mta[5108]: l6U74PNH005107: to=xx@xx.xx.it,
ctladdr=<root@vidol.xx.xx.it> (0/0), delay=00:00:00, xdelay=00:00:00,
mailer=esmtp, pri=30677, relay=[111.222.33.44] [111.222.33.44],
dsn=5.6.0, stat=Data format error
Jul 30 09:04:25 vidol sm-mta[5108]: l6U74PNH005107: l6U74PNH005108: DSN:
Data format error

SOLUZIONE:

Il problema era nel fatto che vidol.xx.xx.it non era nel dns.
Occorre aggiungere un record A o CNAME alla risoluzione diretta e un
record PTR alla inversa.

Sendmail + SPF milter howto

Controllo che sendmail > 8.11 e compilato con il supporto MILTER:

sendmail -d0.1 -bt < /dev/null | grep MILTER

wget http://www.libspf2.org/spf/libspf2-1.2.5.tar.gz
wget http://dfn.dl.sourceforge.net/sourceforge/smfs/smf-spf-2.0.2.tar.gz

tar -zxvf libspf2-1.2.5.tar.gz
cd libspf2-1.2.5
./configure
make && make check
make install
ldconfig

Quando si lancia make check si ottengono questi errori, cmq poi tutto funziona correttamente

—————————————————————————————
make[3]: Entering directory
`/root/Ordine/software/SPF_milter/libspf2-1.2.5/tests’

Running single tests on the parser…
Running tests from test_parser.txt (with args ”)…
All regression tests passed
PASS: run_single_parser

Running single tests using adoption roll data…
Running tests from test_adopt_roll.txt (with args ”)…
Error: 101 tests failed
FAIL: run_single_adopt_roll

Running single tests using data from the RFC examples…
Running tests from test_rfc_examples.txt (with args ”)…
Error: 46 tests failed
FAIL: run_single_rfc_examples

Running single tests using static test dns zone file…

Running piped tests using live data…
Running tests from test_live.txt (with args ‘-pipe -test-opt=-dns=test
–todo=121=FIXME –todo=135.result=FIXME –todo=136.result=FIXME
–todo=137.result=FIXME –todo=139=Persistent_data_error?
–todo=140=Persistent_data_error? –todo=142=Persistent_data_error?
–todo=145=Persistent_data_error? –todo=146=Persistent_data_error?
–todo=149=Persistent_data_error? –todo=154=Persistent_data_error?
–todo=155=Persistent_data_error? –todo=156=Persistent_data_error?
–todo=157=Persistent_data_error? –todo=158=Persistent_data_error?
–todo=159=Persistent_data_error? –todo=160=Persistent_data_error?
–todo=161=Persistent_data_error? –todo=162=Persistent_data_error?
–todo=163=Persistent_data_error? –todo=164=Persistent_data_error?
–todo=165=Persistent_data_error? –todo=166=Persistent_data_error?
–todo=167=Persistent_data_error? –todo=168=FIXME –todo=169=FIXME’)…
Error: 569 tests failed
FAIL: run_single_tdns

Running piped tests using static test dns zone file…

Running single tests using live data…
Running tests from test_live.txt (with args ‘–todo=121=FIXME
–todo=135.result=FIXME –todo=136.result=FIXME –todo=137.result=FIXME
–todo=168=FIXME –todo=169=FIXME’)…
Error: 215 tests failed
FAIL: run_many_tdns

Running single tests using live data…
Running tests from test_live.txt (with args ‘–todo=121=FIXME
–todo=135.result=FIXME –todo=136.result=FIXME –todo=137.result=FIXME
–todo=168=FIXME –todo=169=FIXME’)…
Error: 215 tests failed
FAIL: run_single_live

Running piped tests using live data…
Running tests from test_live.txt (with args ‘-pipe –todo=121=FIXME
–todo=135.result=FIXME –todo=136.result=FIXME –todo=137.result=FIXME
–todo=139=Persistent_data_error? –todo=140=Persistent_data_error?
–todo=142=Persistent_data_error? –todo=145=Persistent_data_error?
–todo=146=Persistent_data_error? –todo=149=Persistent_data_error?
–todo=154=Persistent_data_error? –todo=155=Persistent_data_error?
–todo=156=Persistent_data_error? –todo=157=Persistent_data_error?
–todo=158=Persistent_data_error? –todo=159=Persistent_data_error?
–todo=160=Persistent_data_error? –todo=161=Persistent_data_error?
–todo=162=Persistent_data_error? –todo=163=Persistent_data_error?
–todo=164=Persistent_data_error? –todo=165=Persistent_data_error?
–todo=166=Persistent_data_error? –todo=167=Persistent_data_error?
–todo=168=FIXME –todo=169=FIXME’)…
Error: 569 tests failed
FAIL: run_many_live
=======================================
6 of 7 tests failed
Please report to libspf2@rt.anarres.org
=======================================
make[3]: *** [check-TESTS] Error 1
make[3]: Leaving directory
`/root/Ordine/software/SPF_milter/libspf2-1.2.5/tests’
make[2]: *** [check-am] Error 2
make[2]: Leaving directory
`/root/Ordine/software/SPF_milter/libspf2-1.2.5/tests’
make[1]: *** [check-recursive] Error 1
make[1]: Leaving directory
`/root/Ordine/software/SPF_milter/libspf2-1.2.5/tests’
make: *** [check-recursive] Error 1
root@proxy2:~/Ordine/software/SPF_milter/libspf2-1.2.5#

—————————————————————————————

cd ..

cd smf-spf-2.0.2
make
make install

vi /etc/mail/smfs/smf-spf.conf

/usr/local/sbin/smf-spf -c /etc/mail/smfs/smf-spf.conf

Add these lines to your Sendmail configuration file (usually sendmail.mc):

define(`confMILTER_MACROS_HELO’, confMILTER_MACROS_HELO`, {verify}’)dnl
INPUT_MAIL_FILTER(`smf-spf’, `S=unix:/var/run/smfs/smf-spf.sock,
T=S:30s;R:1m’)dnl

IMPORTANT: make sure that libmilter is compiled with
BROKEN_PTHREAD_SLEEP defined.
If this symbol is not defined, libmilter will use sleep() in
signal-handler thread,
which may cause various program misbehaviors, including coredumps.
To rebuild Sendmail with this symbol defined, add the following line to your
Sendmail/devtools/Site/site.config.m4:

APPENDDEF(`confENVDEF’, `-DBROKEN_PTHREAD_SLEEP’)

vi /usr/share/sendmail/cf/m4/cf.m4

[La necessità di inserire il parametro sopra-descritto mi è ignota, ma quando ho provato a
aggiungerlo sendmail non partiva]

m4 /etc/mail/sendmail.mc > /etc/mail/sendmail.cf

A questo punto possiamo riavviare sendmail e controllare su /var/log/maillog
se il controllo SPF funziona.
(e a me FUNZIONA 🙂 )

Ottimizzazione dell’utilizzo della memoria in Exchange Server 2003

http://technet.microsoft.com/it-it/library/2d63b567-c73c-4cc7-bd95-77b18749219b.aspx
http://support.microsoft.com/?kbid=815372

In pratica le operazioni da compiere su un server windows 2003 server
con Exchange 2003 e con 2 GB di ram (o più di 2 GB di Ram) sono:

Modificare il boot.ini come segue:
aggiungere

/3GB /USERVA=3030

Modifica della chiave di registro:

HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session Manager
Nome valore: HeapDeCommitFreeBlockThreshold
Tipo valore: REG_DWORD
Dati valore: 0x00040000 (scelta consigliata)
Valore predefinito: non presente

Recupero o ripristino di una singola cassetta postale in Exchange Server 2003

Identificativo articolo : 823176
Ultima modifica : lunedì 23 gennaio 2006
Revisione : 2.4
Per la versione di questo articolo relativa a Microsoft Exchange 2000 Server, vedere 813337 (http://support.microsoft.com/kb/813337/).

Sommario

In questo articolo vengono descritti due metodi che è possibile utilizzare per recuperare o ripristinare una singola cassetta postale in Microsoft Exchange Server 2003. Se per le cassette postali sono state configurate impostazioni per il mantenimento degli elementi eliminati e l’intervallo durante il quale le cassette postali eliminate possono rimanere sul server non è ancora scaduto, è possibile utilizzare il Gestore di sistema di Exchange per recuperare una o più cassette postali.

Se si elimina una cassetta postale e le relative impostazioni per il mantenimento degli elementi eliminati non sono state configurate oppure l’intervallo durante il quale le cassette postali eliminate possono rimanere sul server è scaduto, è possibile recuperare cassette postali su un server alternativo o su un server di ripristino. Le cassette postali possono essere recuperate da una copia di backup senza causare interruzioni nell’ambiente di produzione.

Metodo 1: Ripristinare una cassetta postale utilizzando il Gestore di sistema di Exchange

Utilizzare questo metodo se per le cassette postali sono state configurate impostazioni per il mantenimento degli elementi eliminati e l’intervallo durante il quale le cassette postali eliminate possono rimanere sul server non è ancora scaduto.

Verificare o configurare le impostazioni di eliminazione delle cassette postali

Per verificare o configurare le impostazioni di eliminazione delle cassette postali, attenersi alla seguente procedura:

1. Avviare il Gestore di sistema di Exchange.
2. Se l’opzione Visualizza gruppi amministrativi è selezionata, espandere Gruppi amministrativi, quindi GruppoAmministrativo (dove GruppoAmministrativo è il nome del proprio gruppo amministrativo).

Nota Per visualizzare i gruppi amministrativi, fare clic con il pulsante destro del mouse su NomeOrganizzazione, scegliere Proprietà, selezionare la casella di controllo Visualizza gruppi amministrativi, scegliere OK, quindi di nuovo OK e riavviare il Gestore di sistema di Exchange.

3. Espandere Server, NomeServerInUso, quindi NomeGruppoArchiviazione.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Archivio cassette postali e scegliere Proprietà.
5. Fare clic sulla scheda Limiti.
6. Nella casella Mantieni cassette postali eliminate per (giorni) specificare il numero di giorni in cui gli elementi eliminati possono rimanere sul server prima dell’eliminazione definitiva, quindi scegliere OK.

Ripristinare una cassetta postale utilizzando il Gestore di sistema di Exchange

Per ripristinare una cassetta postale utilizzando il Gestore di sistema di Exchange:

1. Avviare il Gestore di sistema di Exchange.
2. Se l’opzione Visualizza gruppi amministrativi è selezionata, espandere Gruppi amministrativi, quindi GruppoAmministrativo (dove GruppoAmministrativo è il nome del proprio gruppo amministrativo).

Nota Per visualizzare i gruppi amministrativi, fare clic con il pulsante destro del mouse su NomeOrganizzazione, scegliere Proprietà, selezionare la casella di controllo Visualizza gruppi amministrativi, scegliere OK, quindi di nuovo OK e riavviare il Gestore di sistema di Exchange.

3. Espandere Server, NomeServerInUso, quindi NomeGruppoArchiviazione.
4. Espandere Archivio cassette postali, fare clic con il pulsante destro del mouse su Cassette postali, quindi scegliere Esegui agente di pulitura.
5. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cassetta postale che si desidera recuperare, quindi scegliere Riconnetti.
6. Nell’elenco di account del servizio directory Microsoft Active Directory visualizzato selezionare l’account utente a cui si desidera connettere la cassetta postale, quindi scegliere OK.
7. Chiudere il Gestore di sistema di Exchange.

Metodo 2: Utilizzare la funzionalità Gruppo di archiviazione di ripristino per ripristinare la cassetta postale

Il gruppo di archiviazione di ripristino è uno speciale gruppo di archiviazione utilizzato in Exchange 2003. Dopo il ripristino di un archivio di cassette postali nel gruppo di archiviazione di ripristino, utilizzare lo strumento Exmerge.exe per spostare i dati della cassetta postale recuperata da tale gruppo al normale gruppo di archiviazione. Per ulteriori informazioni sul recupero di una cassetta postale utilizzando la funzionalità Gruppo di archiviazione di ripristino, fare clic sul numero dell’articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:

824126 (http://support.microsoft.com/kb/824126/) Utilizzo dei gruppi di archiviazione di ripristino in Exchange Server 2003

Metodo 3: Ripristinare una cassetta postale da una copia di backup a un server di ripristino

Utilizzare questo metodo se non è possibile associare l’oggetto cassetta postale nel gruppo di archiviazione di ripristino a un oggetto utente in Active Directory con lo stesso valore msExchMailboxGUID. Questa situazione può verificarsi se l’account utente viene eliminato da Active Directory o se gli attributi di Exchange vengono rimossi dall’account utente e la cassetta postale nell’archivio di Exchange non è stata riconnessa o è stata eliminata.

Per ripristinare una cassetta postale da una copia di backup, è necessario disporre di un server di ripristino con sufficiente capacità di archiviazione per l’installazione di Exchange Server 2003 e il ripristino del database di archivio informazioni privato. Questo server può trovarsi sulla stessa rete fisica del computer di produzione che esegue Exchange Server 2003.

Per ripristinare una cassetta postale da una copia di backup a un server di ripristino:

1. Prendere nota delle seguenti informazioni disponibili nel computer di produzione che esegue Exchange Server 2003:

Nome organizzazione
Nome gruppo amministrativo
Nome gruppo di archiviazione
2. Installare Windows 2000 Server o Windows Server 2003 nel server di ripristino, quindi creare un nuovo insieme di strutture di Active Directory.
3. Eseguire il programma di installazione di Exchange Server 2003, quindi creare una nuova organizzazione con lo stesso nome dell’organizzazione di Exchange esistente.
4. Effettuare una delle seguenti operazioni a seconda della specifica situazione:

Se il nome del gruppo amministrativo è Primo gruppo amministrativo, andare al passaggio 6.

Oppure

Per installare Exchange Server 2003 in un gruppo amministrativo diverso da Primo gruppo amministrativo:

a. Avviare il programma di installazione di Exchange Server 2003, quindi installare gli strumenti di gestione del sistema di Microsoft Exchange.

Importante Evitare, a questo punto, di installare i servizi di messaggistica e collaborazione di Microsoft Exchange. Digitare il nome del gruppo amministrativo utilizzando lo stesso nome del gruppo amministrativo sul server di produzione.

b. Avviare il Gestore di sistema di Exchange.
c. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’organizzazione, quindi scegliere Proprietà.
d. Fare clic sulla scheda Generale, selezionare la casella di controllo Visualizza gruppi amministrativi e scegliere OK.
e. Chiudere il Gestore di sistema di Exchange, quindi riavviarlo.
f. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Gruppi amministrativi, scegliere Nuovo, quindi Gruppo amministrativo.
g. Nella casella Nome digitare il nome del gruppo amministrativo, quindi scegliere OK.

Importante È necessario utilizzare lo stesso nome assegnato al gruppo amministrativo sul computer di produzione che esegue Exchange Server 2003.

h. Chiudere il Gestore di sistema di Exchange.
5. Eseguire il programma di installazione di Exchange Server 2003, quindi installare i servizi di messaggistica e collaborazione di Microsoft Exchange e gli strumenti di gestione del sistema di Microsoft Exchange, se questi ultimi non sono già installati nel server.
6. Configurare il nome del gruppo di archiviazione in modo che venga utilizzato lo stesso nome del computer di produzione che esegue Exchange Server 2003. Per effettuare questa operazione:

a. Avviare il Gestore di sistema di Exchange.
b. Espandere Gruppi amministrativi, quindi espandere NomeGruppoAmministrativo.
c. Espandere Server, quindi espandere NomeServerInUso.

Se per il gruppo di archiviazione sul server di produzione viene utilizzato un nome diverso da Primo gruppo di archiviazione, configurare il nome del gruppo di archiviazione in modo che venga utilizzato lo stesso nome del gruppo di archiviazione sul computer di produzione che esegue Exchange Server 2003.

7. Disinstallare il database. Per effettuare questa operazione:

a. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Archivio cassette postali e scegliere Disinstalla archivio.
b. Scegliere quando viene chiesto se si desidera continuare.
c. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Archivio cassette postali e scegliere Proprietà.
d. Scegliere la scheda Database, quindi selezionare la casella di controllo Database riscrivibile da un ripristino.
e. Scegliere OK.
f. Chiudere il Gestore di sistema di Exchange.
8. Eliminare il database e i file di registro esistenti sul server di ripristino. Per effettuare questa operazione:

a. Avviare Esplora risorse.
b. Individuare la cartella C:\Programmi\Exchsrvr\Mdbdata e selezionarla.

Nota La cartella C:\Programmi\Exchsrvr è il percorso di installazione predefinito per Exchange Server 2003. Se Exchange Server 2003 è stato installato in una cartella diversa, il percorso della cartella Exchsrvr sarà diverso nel computer in uso.

c. Scegliere Seleziona tutto dal menu Modifica.
d. Premere CANC.
e. Quando viene chiesto di confermare l’eliminazione, scegliere .
9. Ripristinare il file di database da una copia di backup.
10. Installare il database. Per effettuare questa operazione:

a. Avviare il Gestore di sistema di Exchange.
b. Espandere Gruppi amministrativi, quindi espandere NomeGruppoAmministrativo.
c. Espandere Server, NomeServerInUso, quindi NomeGruppoArchiviazione.
d. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Archivio cassette postali e scegliere Installa archivio.
e. Scegliere OK alla visualizzazione del messaggio che conferma la corretta installazione dell’archivio.
11. Creare un nuovo utente in Utenti e computer di Active Directory. Verificare che il nuovo account utente non sia abilitato alla cassetta postale. Per creare il nuovo utente:

a. Avviare Utenti e computer di Active Directory.
b. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Utenti, scegliere Nuovo, quindi Utente.
c. Specificare il nome utente e il nome di accesso utente nelle caselle appropriate, quindi scegliere Avanti.
d. Specificare la password per l’utente, quindi scegliere Avanti.
e. Deselezionare la casella di controllo Crea una cassetta postale di Exchange, quindi scegliere Avanti.
f. Scegliere Fine.
12. Nel Gestore di sistema di Exchange espandere Archivio cassette postali, fare clic con il pulsante destro del mouse su Cassette postali, quindi scegliere Esegui agente di pulitura.
13. Recuperare la cassetta postale. Per effettuare questa operazione:

a. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cassetta postale che si desidera recuperare, quindi scegliere Riconnetti.
b. Nell’elenco di account di Active Directory selezionare l’account utente creato nel passaggio 12, quindi scegliere OK.
14. Utilizzare Microsoft Outlook per esportare i dati della cassetta postale in un file con estensione pst o utilizzare lo strumento Exmerge.exe per estrarre dati da più cassette postali.

Per scaricare Exmerge.exe, visitare il seguente sito Web Microsoft (informazioni in lingua inglese):

Ulteriori informazioni

L’utilità ExMerge non supporta file Unicode con estensione pst. Se si esportano dati da Outlook 2003, il formato predefinito dei file pst è Unicode. Per risolvere il problema, creare un file pst in formato ANSI che risulta compatibile con Outlook 97 e con Outlook 2003. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:

1. In Outlook 2003 scegliere Nuovo dal menu File, quindi fare clic su File di dati di Outlook.
2. Nella finestra di dialogo Nuovo file di dati di Outlook fare clic su File delle cartelle personali (.pst) di Outlook 97-2002, quindi scegliere OK.
3. Nella finestra di dialogo Crea o apri file di dati di Outlook selezionare un percorso nella casella Salva in, quindi digitare un nome per il file, ad esempio Exmerge.pst. Nella casella Tipo file l’impostazione sarà File delle cartelle personali (*.pst). Scegliere OK.
4. Nella finestra di dialogo Cartelle personali Microsoft è possibile modificare la riga Nome con un nome visualizzato univoco, ad esempio “Dati di Exmerge” senza virgolette. Questo è il nome con il quale verrà visualizzato il file pst nell’Elenco cartelle in Outlook. Scegliere OK. Mantenere i valori predefiniti per le altre impostazioni.
5. Il nuovo file verrà visualizzato nell’Elenco cartelle in Outlook. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file, quindi scegliere Chiudi nome cartella, dove nome cartella è il nome visualizzato impostato nel passaggio 4.
6. Scegliere Importazione ed esportazione dal menu File.
7. Nell’Importazione/Esportazione guidata fare clic su Esporta in un file, quindi scegliere Avanti.
8. Nella pagina Esporta in un file selezionare File delle cartelle personali (.pst), quindi scegliere Avanti.
9. Nella pagina Esporta cartelle personali selezionare la cartella da esportare. Se si desidera esportare l’intero contenuto della cassetta postale, selezionare il nome utente nella parte superiore della struttura Selezionare la cartella da cui esportare i dati, quindi scegliere Avanti.
10. Nella pagina Esporta cartelle personali utilizzare il pulsante Sfoglia per individuare il file con estensione pst appena creato, quindi selezionarlo. Scegliere OK dopo avere effettuato la selezione, quindi Fine. Per visualizzare il contenuto del file e verificare che i dati siano stati esportati correttamente, aprire il file in Outlook. Per effettuare questa operazione, scegliere Apri dal menu File, fare clic su File di dati di Outlook, quindi selezionare il file.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni su Exchange Server 2003, visitare il seguente sito Web Microsoft (informazioni in lingua inglese):


Le informazioni in questo articolo si applicano a
Microsoft Exchange Server 2003 Enterprise Edition
Microsoft Exchange Server 2003 Standard Edition